Milano, 10 Settembre 2018 – Prima giornata ricca di soddisfazione per il T°RED FACTORY RACING. E’ mancato l’acuto della maglia tricolore ma sono state due le medaglie d’argento portate dagli atleti su bici T°RED impegnati nei campionati italiani. Mentre si disputava infatti un omnium maschile di livello elevatissimo che ha visto Alex Verardo e Mattia Corrocher impegnati in preparazione della madison del giorno successivo sono stati i “velocisti” a dare soddisfazioni e medaglie. Francesca Selva ha chiuso l’omnium con un ottimo 5° posto ma nella finale del Keirin ha fatto il vero miracolo. Il nuovo acquisto di casa T°RED che parteciperà anche alla RedHook di Milano in maglia blu il prossimo 6 ottobre ha seguito l’azione di Martina Fidanza arrivando alle sue spalle e conquistando uno splendido secondo posto con la sua BestiaNera.
Trionfo Martina Fidanza del team Eurotarget Bianchi Vitasana che ha conquistato la medaglia d’oro in modo autoritario, protagonista di un gesto atletico e potenza tanto da cogliere il successo per distacco: “Sapevo che era un grande rischio anticipare le mie avversarie, ma c’era soltanto questa possibilità per evitare la volata – racconta Martina felicissima e quasi incredula.
Martina Fidanza, che in pista non è nuova a questo tipo di imprese (l’anno scorso due mondiale e due europei fra le junior, e non meno di venti giorni fa l’argento europeo nella velocità a squadre), ha colto l’attimo fuggente e dunque si è imposta anticipando Francesca Selva che l’ha seguita scattando ai -300 metri e Miriam Vece (Valcar-PBM) che non è riuscita a chiudere sulle due avversarie.
Francesca alla sua prima medaglia tra le “elite” ha visto premiato il suo coraggio e un feeling subito perfetto con la nuova bici: “Quest’anno non ho allenamento in pista ed ero abbastanza stanca dopo l’Omnium. Ma se non ti confronti con le migliori non impari quanto vali, non cresci. Per questo ho voluto provarci attaccando subito. Martina era imprendibile ma ho dato il 120% per conquistare questo argento e la bici mi ha portato su un binario fino all’arrivo.”
Finale del Keirin anche per Luca Ceci che dopo il podio di Praga ha ambizioni di maglia. La gara vede in finale anche Francesco e Davide Ceci e Dario Zampieri ovvero il meglio della velocità italiana degli ultimi anni. Dispiace non vedere giovani competitivi ma lo sgancio del pedale all’ultima curca della sua batteria di qualificazione ha tolto a Matteo Rosalen la possibilità di disputare la finale.
Luca Ceci porta in pista il prototipo di MANAIA SPRINT RR (di cui parleremo in seguito) con cui ha già corso in competizioni internazionali ed è in cerca di un oro che sembra alla sua portata. Ogni gara ha comunque la sua storia ed è Francesco Ceci a dettare legge in questa prova entrando per primo nell’ultima curva. Il recupero di Luca è veemente ma Francesco è autore di un finale maiuscolo che gli permette di indossare la maglia tricolore. Al terzo posto Dario Zampieri che a 41 anni si conferma sempre protagonista nelle discipline veloci. 
“I miei complimenti a Francesco che ha corso benissimo, niente da dire” sono le parole di Luca dopo gara “ho cercato di riprenderlo sul rettilineo finale ma mi è mancato lo spunto finale per vincere. Sono comunque soddisfatto, dopo l’incidente alla fine della stagione scorsa ho perso molta preparazione e sto crescendo giorno per giorno. Confido di migliorare in vista del calendario delle coppe del mondo e delle gare internazionali per le qualificazioni olimpiche.”

 

Milano, 11 Settembre 2018 – Il giorno della Madison e della velocità si apre con un ottimo secondo tempo di Luca Ceci che porta la sua MANAIA SPRINT RR con 10.628 a pochissimi centesimi dal miglior tempo al Velodromo Vigorelli. Miglior crono per Francesco Ceci in 10.590 con Davide Ceci e Dario Zampieri pronti a insidiare le posizioni da podio. Entra negli otto finalisti anche Mattia Corrocher che correrà in maglia T°RED la madison in coppia con Alex Verardo per la prima volta. 
Mentre il torneo della velocità prosegue con regolarità e posizionando Luca nella finale primo secondo posto con Francesco Ceci con Dario Zampieri e Dacide Ceci a contendersi il bronzo si disputa una tiratissima madison valida per la maglia di Campioni Italiani e per preziosi punti UCI. A 24 ore di distanza dal titolo italiano dell’Omnium conquistato ieri, Francesco Lamon regala un secondo titolo tricolore al Team Colpack. Nella seconda e ultima giornata dei Campionati Italiani su Pista Elite e Juniores al velodromo Maspes Vigorelli di Milano, il veneziano, in coppia con il veronese Michele Scartezzini, collega del Gs Fiamme Azzurre e tesserato per la Sangemini Mg. Kvis, ha vinto il tricolore della Madison. Superati Matteo Donegà e Davide Viganò del Cycling Team Friuli, medaglia d’argento, e Stefano Moro (Biesse Carrera) in coppia con Attilio Viviani(Sangemini Mg. Kvis), medaglia di bronzo. Chiude al settimo posto la coppia Corrocher/Verardo per la prima volta in gara insieme a questi livelli con premesse che fanno ben sperare per la prossima stagione.
Secondo titolo tricolore in due giorni anche per il marchigiano Francesco Ceci (Gs Fiamme Azzurre) che in finale ha avuto la meglio di Luca Ceci (T°Red Factory Racing) sia nella prima batteria (dove Luca ha sbagliato il rapporto in maniera evidente) sia nella seconda in cui Francesco ha ribadito il suo migliore stato di forma in questi Campionati Italiani. Dario Zampieri (Ucab 1925 Biella) terzo classificato grazie al successo nella finalina contro Davide Ceci (CT Friuli).