Quando a una gara internazionale paralimpica nell’Handbike H5 nella lista dei partenti c’è un tale Alex Zanardi appare subito evidente il livello assoluto della competizione.
Una due giorni di gare con un parterre di livello internazionale baciato da un sole quasi estivo ha aperto la stagione del T°RED FACTORY RACING PARALYMPIC TEAM con una medaglia di bronzo conquistata nella prova a cronometro da Claudio Campi e un argento “virtuale” sempre nella gara a cronometro del tandem Meroni/Marcolina poi “congelato” dai giudici per discrepanze nei cronometraggi che in ogni caso non avrebbero messo in discussione il risultato della coppia di TREDDERS.

La prima giornata si è aperta con due risultati non soddisfacenti per gli atleti del team. Il tandem è stato funestato da problemi alla trasmissione ed ha costretto la coppia ad un 6° posto che non rispetta l’andamento della gara in cui Meroni e Marcolina hanno sempre condotto con sicurezza la gara.
Alla prima uscita con le nuove divise ma con materiale ancora della scorsa stagione i due fortissimi ragazzi del tandem hanno accettato il risultato confidando nella rivincita il giorno successivo a cronometro. 
La gara di Claudio Campi invece è stata tutta d’attacco, al comando per tutti i sette giri del circuito versiliese l’atleta milanese romano d’adozione ha cercato l’attacco alla metà dell’ultimo giro tentando di tenere il passo del campione italiano e vicecampione del mondo, bronzo alle Olimpiadi di Rio 2016 Fabio Anobile. Un attacco disperato di un atleta del gruppo all’ingresso dell’ultima curva ha costretto Campi contro le transenne evitando la caduta di un soffio e dovendo ripartire da fermo sull’ultimo rettilineo. La reazione di Campi è stata devastante e gli ha permesso di raggiungere il gruppo ai -200 dal traguardo ma mentre Anobile tagliava da solo la linea d’arrivo la fatica per rientrare in gruppo costringeva Campi ad accontentarsi di un 4° posto amaro.

Il sole della domenica mattina è stato accompagnato da un fastidioso vento sul tracciato di gara ma la voglia di rivincita dei TREDDERS non si è fatta aspettare. Alla partenza della gara a cronometro Tandem Meroni/Marcolina sono arrivati con una gran voglia di rivincita già dalla partenza. La pedalata potente e con il lungo rapporto di Piergiacomo Marcolina sprinto dal motore in crescita di Stefano Meroni che li ha portati a stampare il secondo crono assoluto a soli 20” dalla coppia di testa. 
Grande prova a cronometro anche di Claudio Campi che ha portato il suo Levriero al terzo posto assoluto chiudendo stremato anche a causa del grande dispendio di energia del giorno precedente. 

Un errore nel cronometraggio ha privato Meroni e Marcolina della loro medaglia d’argento. La gara infatti è stata neutralizzata a causa di alcuni errori nel cronometraggio dei tandem nelle posizioni successive che non avrebbero comunque compromesso il risultato dei TREDDERS. 
Il risultato lascia comunque ottime sensazioni per le prossime gare e per l’esordio ufficiale del team FIXED alla seconda prova della Fixed Italian Cup di Milano in programma sabato 14 aprile.