Manaia RHC e Manaia RHC Road Replica: world premiere a New York per le belve progettate
da Romolo Stanco e customizzate da Rae Martini – ottimizzate per l’uso stradale a scatto fisso
e per circuiti e criterium in versione 1×11 (10-32 o 10-36).

New York – 28 aprile 2018 – Manaia è un nome noto agli appassionati delle bici fisse: ammirata da molti, scelta
da atleti di calibro internazionale come Benjamin Thomas e Alex Buttazzoni, è tornata dal NAHBS 2018 con la
prestigiosa coccarda di Miglior Bici Pista (Best Track Bike).
Ancor prima di ritirare il premio, Romolo Stanco era già al lavoro per due sviluppi dedicati a attività specifiche.
La presentazione ufficiale è in corso a New York, dove si sta svolgendo la RedHook Brooklyn nr.11.
In gara 5 Manaia insieme agli atleti del T°RED FACTORY RACING TEAM FXD.

MANAIA RHC
La prima bici a scatto fisso pensata, progettata e sviluppata per l’uso stradale:
“La strada, lo stile di guida, le caratteristiche dei percorsi delle gare a scatto fisso richiedono una progettazione
dedicata e soluzioni diverse da quelle pensate per l’uso di una bici in pista” commenta Romolo Stanco, Head of
Design di T°RED: “E’ così che dopo aver sviluppato la versione ‘Pista 6D’ di Manaia ho iniziato a lavorare con il
team del TOOT Lab a una versione ‘crit’ in grado di soddisfare le esigenze degli atleti, in primis quelli del T°RED
FACTORY RACING TEAM che con Manaia RHC corrono da febbraio”.

MANAIA RHC – forcella e ruote TOOT
Geometrie del telaio dedicate che nascono dall’evoluzione di Manaia Pista 6D, tubazioni proprietarie in alluminio
arricchito con scandio e zirconio, forme aerodinamiche e dettagli curatissimi, dal reggisella ai pendenti
Strangling® fino ai dropout V-DROP® saldati lungo l’intero posteriore orizzontale.
L’evoluzione più importante sta nello sviluppo di forcella e ruota dedicate: la guidabilità su strada richiede l’uso
di una forcella dalla geometria stradale, più lunga e con un rake superiore rispetto a quella utilizzata in pista.
Romolo Stanco non si è limitato a passare a una forcella con rake e ATC dedicati, ha sviluppato TOOT TAT –
ThruAxleTrack, la prima forcella perno passante per lo scatto fisso. Non una forcella ricavata da una
versione “disc”, ma nata da zero intorno alle esigenze dello scatto fisso stradale affiancata da una ruota
dedicata.
Foderi rinforzati nei punti critici, perno passante, steli sottili, rake 41mm e ATC 368mm.
La ruota TOOT Six.1 TAT è stata sviluppata in collaborazione con IndustryNine. Il cerchio in carbonio con
profilo U-Drop® da 61mm può essere utilizzato con copertoncino o tubeless ed è raggiato a mano in Italia
utilizzando un mozzo perno passante sviluppato insieme a IndustryNine che permette non solo di avere il perno
passante su un mozzo non disco, ma anche di raggiare radialmente a 24 raggi, aumentando ulteriormente la
stabilità e la guidabilità dell’anteriore di Manaia esaltando le doti di maneggevolezza e rilancio in uscita dalle
curve tipiche dei circuiti FIXED. Con un software di simulazione delle traiettorie kart-moto in circuito sono stati
studiati i raggi di curva solitamente disegnati nei circuiti crit a scatto fisso che hanno raggi dai 12 ai 18 metri e
curvoni dai 40 ai 60m di raggio molto impegnativi per il telaio perché affrontati oltre i 50km/h. Tuttavia a
differenza della pista in cui è il banking della curva a condurre la bicicletta, nelle competizioni fixed la necessità
di guidare la bicicletta anche ripartendo da basse velocità porta a riconcepire le caratteristiche del telaio.

MANAIA RHC – le grafiche di Rae Martini
Edizione limitata anche per le grafiche, realizzate dall’artista Rae Martini, uno maggiori esponenti dello Style
Writing internazionale, conosciuto per i suoi graffiti, tatuaggi, lettering e pittura su tela.
“Ho dato ai design grafici realizzati per T°RED un gusto ipertecnico, futuristico e alieno, creando delle piccole
opere minimali che avvolgono i telai da corsa. L’estetica del mio intervento rispecchia il prezioso supporto:
entrambi hanno un aspetto funzionale, mostrano innumerevoli informazioni criptate e un volto sobrio ed
essenziale.”
Le grafiche sono state realizzate a mano a china e poi trasferite su digitale per poter essere applicate al telaio
della bici.
Al ciclista la possibilità di personalizzare il colore dei dettagli e della forcella, creando di volta in volta un oggetto
unico che rispecchia l’anima di T°RED e di chi pedala.

MANAIA RHC Road Replica
Una versione stradale per le gare in circuito accompagna Manaia RHC.
Punto centrale del progetto un’accoppiata vincente per i rapporti, grazie alla cassetta 10-32 (o 10-36) abbinata
alla corona ovale da 50 denti è davvero possibile sostituire senza compromessi il classico 2×11.
Veloce, reattiva, leggera, rigidissima: è progettata per esprimere al meglio le sue performance quando si cerca il
limite, con geometrie che esaltano reattività e velocità e materiali che non temono la potenza neanche nelle
volate più estreme. La lega serie 7000 di alluminio/ arricchita con scandio e zirconio offre performance superiori
dei 30% a quelle dell’ergal, una migliore resa delle saldature e una leggerezza e una rigidità paragonabili ai
migliori telai in carbonio. I dropout D-THRU® dal design proprietario sono ottimizzati per le pinze freno flat
mount, l’inedito carro posteriore e il reggisella integrato garantiscono un feeling strepitoso. Una creatura di
metallo nata per correre il cui unico scopo è farti vincere.

Gli allestimenti

MANAIA RHC
Telaio in AlScaZir®
Forcella perno passante TOOT TAT
Movimento centrale T47 con calotte Enduro
Ruote TOOT Six.1 TAT
Coperture Vittoria Corsa Speed TLR
Manubrio integrato Vision Metron 5D
Guarnitura Vision Track
Catena Izumi Chain
Sella Selle Italia SLR Pro Team Edition

MANAIA RHC Road Replica
Telaio in AlScaZir®
Forcella perno passante TOOT T4
Movimento centrale T47 con calotte Enduro
Ruote TOOT Six.1- Nine.1 Carbon Crit
Coperture Vittoria Corsa
Manubrio integrato Vision Metron 5D
Gruppo Sram Force 1×11
Corona ovale 50T Absolute Black
Pacco pignoni 10-32 o 10-36
Freni a disco TRP SLC BLACK
Sella Selle Italia SLR

Manaia nasce in pista e cresce per strada: è disponibile nella versione Track Replica, Pista 6D e per uso
stadale sia per freni a disco che per freni tradizionali: oltre alle grafiche Black e Factory anche una limited edition
dedicata a Fulvio Acquati, Manaia NERA FA Ltd. con grafiche 3D in rilievo sul telaio.

T°RED e T°RED Bikes
T°RED è progettazione, ricerca, sperimentazione e design. Performance e qualità assolute esaltate da oggetti unici.
T°RED ha l’ambizione di portare nel mondo cycling il XXI secolo con i suoi contenuti tecnologici e di avanguardia. Le
biciclette T°RED nascono da progetti avanzati, da test di laboratorio e analisi effettuate in centri ricerca internazionali
con l’obiettivo di creare mezzi insuperabili in ogni condizione.
Tecnologia, materiali, stile e ricerca. Ogni bicicletta T°RED è studiata da Romolo Stanco nei minimi dettagli: geometrie,
utilizzo dei materiali, processi di produzione, verifiche strutturali dinamiche e prove di laboratorio permettono di
ottenere risultati inimmaginabili fino a pochi anni fa. L’alto tecno-artigianato ultraventennale italiano e il livello di
eccellenza dei partner permette di creare biciclette che superano ogni limite fino ad ora conosciuto.
Creature di titanio, carbonio, meccanica ed elettronica. Creature figlie del ventunesimo secolo, di tecnologia e
controllo digitale, di chilometri divorati da tester professionisti su strada e su pista. Il design delle biciclette T°RED è
unico con geometrie e soluzioni tecnologiche innovative e brevettate alla ricerca del piacere e dell’entusiasmo che
alimenta ogni colpo di pedale. La passione muove T°RED: non il mercato e tanto meno le mode. La certezza di poter
migliorare l’esistente, di poter superare i propri risultati, di poter crescere e raggiungere nuovi limiti alimenta ogni
progetto, ogni disegno, ogni test di laboratorio o soluzione testata su strada. Solo la passione può trasformare linee,
angoli, materiali e tecnologie in armi emozionanti e invincibili.

ROMOLO STANCO
Romolo Stanco nasce nel 1972. Dopo un biennio di studi in Fisica, si laurea presso il Politecnico di Milano a pieni voti
in Architettura. Nel 1998 fonda SmarritaCamilla Architectural Workshop, complessa esplorazione tra architettura,
design e ricerca raggiungendo risultati concreti di valore riconosciuto dalla stampa internazionale. Lavora su molti
progetti di architettura con una ricerca poetica dell’essenziale e in una continua evoluzione che non implica
necessariamente un approccio minimale. “L’amore” è l’ingrediente di base di ogni suo progetto: varca le frontiere
tradizionali del design contaminandole di arte e nuove tecnologie. Il “Chicago Tribune” definisce i suoi progetti
“Design as art”, e Laura Traldi sulle pagine di “Curve” parla dei suoi lavori come di “Design Magic”. Dopo esperienze
in centri di ricerca come il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e la direzione del dipartimento NuDe di Politec
Valtellina (Centro per l’innovazione della Valtellina) lavora insieme a RSE (Ricerca Sistema Energetico) su alcuni
progetti rivoluzionari nel campo di architettura, design ed energia. E’ uno dei pochi designer “quotati” da Artnet per le
edizioni limitate di alcuni lavori editi da Galleria Colombari. Dal 2012 è direttore creativo di T°RED un laboratorio di
sperimentazione tra design, architettura, mobilità e ricerca che lavora su progetti proprietari insieme a laboratori, realtà
tecno-artigianali e industriali di livello internazionale. Più volte vincitore di concorsi e premi internazionali di
progettazione e ricerca, detiene più di dieci brevetti e ha una genetica intolleranza verso il termine “impossibile”. Da
sempre appassionato di bici e di ciclismo Il Corriere della Sera ha messo la sua BestiaNera tra le 10 bici Top del 2015
mentre il Museo del Design di Gent espone la versione Jekill&Hyde nella mostra “Bike to the Future” fino al 20 ottobre.
E’ uno degli AUDI Innovative Thinkers.